Come costruire o sistemare una prolunga elettrica

Come costruire o sistemare una prolunga elettrica

30 maggio 2014 Fai da Te 4

Costruire o sistemare una prolunga elettrica

Potrà capitare nella tua vita di ritrovarti un cavo elettrico abbastanza lungo da voler costruire una prolunga, magari per allungare il cavo di un macchinario o anche di dover costruire un piccolo raccordo da usare in un punto specifico, ad ogni modo per costruire una prolunga hai bisogno di un cavo elettrico, di una spina maschio e una femmina.
Il cavo deve essere di buona manifattura e soprattutto abbastanza spesso, ovvero non inferiore ad 1mm , spesso vengono presentati i cavi bipolari, ovvero con due fili conduttori all’interno, ma esistono anche quelli multipolari che devono avere però massimo tre fili conduttori all’interno, questo sarebbe il cavo ideale in quanto il terzo polo è quello della messa a terra, non tutti gli apparecchi sono disposti, ma nel nostro ambiente lo sono quasi tutti gli strumenti, basta osservare le prese dei principali strumenti per dj.

Le spine devono essere di tipo L a 16A a tre poli, anch’esse di buona manifattura e ben resistenti, una spina da 16A garantisce l’uso per utilizzatori la cui potenza può superare i 1500W ma non sarebbe il nostro caso, ma è meglio metterci al sicuro, potresti usarla per un frigorifero industriale qualche volta…
Se hai intenzione di creare una prolunga che porta la corrente principale a tutto il tuo impianto allora non devi assolutamente parsimoniare sulla qualità degli elementi, la corrente a lungo andare riscalda i componenti, rischia di sciogliersi all’interno e provocare qualche corto circuito, nonché a causa della dispersione potrebbe creare problemi all’impianto generale e far “saltare il contatore”.

Avvertenze

Come per tutte le cose inizio a bacchettarti come fa spesso mia mamma! Agire sulla corrente in termini spiccioli non è un impresa ardua, “basta avvitare un paio di fili”, ma questo non significa che puoi andarci ad occhi chiusi, prendi sempre le giuste precauzioni e soprattutto se sono i tuoi primi lavori sii prudente quanto vai a provare la prolunga, accertati di provarla in un posto dove il contatore sia nuovo ed efficiente, quindi pronto a staccarsi in caso di corto circuito, e se c’è la possibilità di un salvavita sarebbe l’ideale.
Quando vai a provare la tua prima presa quindi stacca il contatore, attacca la presa, attacca il contatore, se non salta nulla hai fatto un buon lavoro, altrimenti stacca la presa, attacca il contatore e sistemala.

Precediamo

spina elettrica

Advertisements
Condividi con i tuoi amici ;)
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

4 risposte

  1. Maria Elena Bonacini ha detto:

    Ma….se i fili della prolunga sono solo due (blu e grigio)?

    • DarioPower ha detto:

      Ciao Maria Elena, se i fili sono solo due, devi fare il collegamento di entrambi i fili alle estremità della presa, come raffigurato nella terza figura di questo articolo, vale a dire che devi lasciare il capo centrale libero.
      Bada bene che lo stesso deve essere fatto sull’altra spina, ovvero deve avere anche entrambi i fili (blu e grigio nel tuo caso) collegati all’estremità della presa.

  2. Luca ha detto:

    Attenzione: non si possono lasciare scoperti i cavi interni: la presa deve essere fissata al cavo prendendo anche la guaina esterna di protezione (meccanica)! Nella foto con la spina tripolare la plastica grigia deve essere fissata dal morsetto blu; nella spina bipolare la parte nera del filo deve incastrarsi nol zig-zag dell’ingresso nella spina.
    Saluti

    • DarioPower ha detto:

      Ciao Luca, grazie per il tuo immenso contributo che hai apportato al mio blog.
      Ho provveduto ad inserire un trafiletto nelle foto che richiama la tua segnalazione, qualora ci dovesse essere qualche incongruenza, sono lieto di apporvi modifica.
      Rimango obbligato nei tuoi confronti e sono felice che tu abbia letto il mio articolo, ti saluto, spero di risentirti presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *