Come diventare un bravo dj

Come diventare un bravo dj

13 aprile 2015 Prendiamoci un caffè 0

Come diventare un bravo Dj, pochi passi ma buoni

Nell’articolo in cui trattavo su alcuni metodi su come fare outing e diventare un bravo dj, ho elencato brevemente alcuni metodi da scegliere per poter aumentare di livello, mentre questa volta vorrei trattare in dettaglio il metodo migliore per diventare un bravo dj.

Per diventare un bravo dj devi concentrarti su tre punti fondamentali:

  • Tecnica
    • Livello pratico
    • Livello avanzato
  • Esperienza
    • Diretta
    • Indiretta
  • Cultura Musicale
    • Livello generico
    • livello specifico

Questi fattori sono stati elencati in ordine di importanza quindi procediamo per quanto riguarda il primo fattore.

La tecnica

La “professione” del dj oggi è stata deprecata e trasformata in un passatempo del tipo:
“hai più di trent’anni e fai il dj, ma quando te lo trovi un lavoro? ma quando te latravi una ragazza?”
Questo concetto spiega tutto, se fai il personal trainer sei un professionista, se fai il dj non lo sei, chiediti quale sia il motivo. Se vuoi imparare a diventare un bravo dj prima di tutto devi chiuderti nella tua stanza e ad imparare il djing dalla a alla z.
Nei tempi passati, il djing era un’arte che veniva concepita da pochi audaci portati intraprendenti, che senza avere nulla tra le mani iniziavano a concepire il modo per mettere la musica in discoteca a volte anche prendendo spunto da altre fonti quali compilation, serate di altri dj professionisti, o qualche dritta di qualche amico. Oggi anche sulle confezioni del latte trovi istruzioni su come diventare un dj.
Per diventare un bravo dj e capire la tecnica puoi attingere a diverse fonti come gli svariati tutorial che puoi trovare dappertutto, video o altri fonti attinenti, se ti va puoi dare un’occhiata anche alle mie guide.
Dove sta il problema. Purtroppo molti di voi imparano con superficialità, ovvero capiscono la tecnica e si soffermano li, leggono i primi trafiletti e poi fanno di testa loro, e l’errore più grave che si possa fare è quello di pensare “Si ho capito ormai come si fa, so già fare tutto io non ho bisogno più di nulla”, e l’errore ancora più grave che si possa fare è quello di snobbare il confronto, del tipo “io ho un anno di esperienza e faccio capire agli altri che sono un professionista imponendo il mio pensiero senza voler sapere nulla dagli altri, perché io so come si fa, gli altri non devono capire che mi sono appena messo a fare il dj”.
Questo è l’errore più grave che si possa fare.
Il confronto e soprattutto la cognizione reale del proprio livello è uno dei pilastri per farti crescere, ricordati che dopo aver imparato a mettere due brani a tempo, ancora sei sotto lo zero, e dopo aver accumulato circa 10 anni di esperienza puoi dire che qualcosa inizi a capirla (ne riparleremo fra 10 anni), inoltre ti ricordo che uno strumento in media si inizia ad imparare dopo 3 anni e finisco accennandoti una famosa affermazione fatta dallo scrittore George Bernard Shaw nonchè dal fondatore di Linux (Linus Torvalds), ma anche da Umberto Veronesi e:

Advertisements
Condividi con i tuoi amici ;)
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *