Creare un marcatore o punti cue per dividere una compilation


Punti cue o marcatori per dividere un mixato o una compilation

punti cue con audition

Dopo aver creato il mixato, e quindi una traccia unica, che spesso va bene per condividere sui vari social o cloud musicali, il problema che viene posto sempre e comunque è quello di come dividere una traccia unica in tante piccole tracce per poter metterla in un cd oppure in una pennetta per saltare da una traccia all’altro o sentire quella che si desidera, ma comunque evitando di sentire tutto il mixato come se fosse una traccia unica.
Ovviamente lo stesso discorso vale per un album ad esempio di musica pop in cui tutte le canzoni hanno uno spazio tra una e l’altra dove basta caricare il file nel programma e seguira la procedura descritta sotto.

In questo articolo voglio illustrarti il metodo che proviene dal lavoro diretto fatto con Audition, dove bastano pochi passaggi per dividerti il file in più tracce.

punti cue

Dopo aver aperto Audition e caricato il file audio, che sia una sola traccia o più tracce combinate, dovrai aprire il pannello dei marcatori (quello mostrato in figura) che generalmente si trova alla sinistra del software. Per aprire il pannello dei marcatori dal menu “Finestra” devi spuntare la voce “Marcatori” se è gia spuntata trovalo perchè è nel flusso di lavoro ma magari la linguetta sarà nascosta (come in figura “Rack effetti” c’è ma è nascosto).
Il pannello dei marcatori si presenta vuoto e da li dovrai inserire ad ogni cambio canzone un marcatore che indica al programma che li finisce una canzone e ne inizia un altra.

Non importa se hai una traccia unica o più tracce sovrapposte come spiegato sopra, il marcatore divide tutto quello che passa la linea del marcatore.

inserire un marcatore i audition

Dopo aver attivato il pannello dei marcatori, devi recarti con la guida sul punto del brano in cui finisce una canzone e ne inizia un’altra, quindi ferma la guida e dal pannello dei marcatori, premi il primo simbolo che aggiunge un marcatore, vedi il simbolo a fianco,
oppure puoi semplicemente premere il tasto “M”.
Ricordati però di iniziare mettendo il primo marcatore all’inizio del tuo set, quindi a “00:00:00” e non tra la prima e la seconda canzone.

Gestione marcatori o punti cue

Il marcatore si piazza proprio sotto la guida, in figura ho spostato la guida che si sovrapponeva ad esso per praticità, e da li indica il punto in cui bisogna dividere la traccia.

lista marcatori per creare un file cue

Adesso dal pannello dei marcatori, vedrai che il marcatore che hai messo verrà aggregato alla lista dei marcatori con un numero progressivo (in questo caso il 25).
Qui potrai inserire il titolo e l’artista cliccando sul testo “Marcatore” in modo tale che la canzone abbia un titolo ed un artista. Io non ho messo nulla per velocizzare il tutto, per facilitare le operazioni e soprattutto perchè non è una buona pratica.

Esporta marcatori con audition

Dopo aver messo tutti i tuoi punti cue e quindi aver controllato come si deve se non te n’è scappato qualcuno, devi esportare il tuo mixdown per poterlo masterizzare, quindi dal menu “File” > “Esporta” > “Mixdown Multitraccia” > “Tutta La Sessione..”
Ti apparirà quindi la schermata come in figura, scegli un nome e una destinazione su cui salvare il file, il resto devi settarlo come in figura, e quindi:
Formato Wave, ti consiglio di esportare una copia in mp3 (se vuoi condividerlo on line)
Segnare le due opzioni finali e soprattutto, “Includi marcatori e altri metadati”.

Se il tuo intento non è quello di masterizzare un cd ma creare una directory da inserire in un supporto digitale (pennetta, telefonino o qualsiasi altra memoria), leggi i prossimi articoli.

Adesso hai diviso la traccia in tante piccole tracce quante sono quelle del tuo mixato, non ti resta altro che crearti un file cue per poterlo masterizzare, oppure dividerlo proprio fisicamente in tante tracce per metterle in una pennetta creando un file m3u per le playlist.

Advertisements
Condividi con i tuoi amici ;)
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mi piace la musica, mi piace creare note, suoni ed armonie, amo combinare il tutto per sentirne il risultato e gioire così del mio operato. Non è detto che per essere bravi bisogna per forza essere dei geni, si può creare anche senza spartiti, quello che ci deve guidare è la nostra passione, che alimenta la creatività. Ogni strumento che sia una corda, un tasto, un disco, un pulsante può essere usato per creare un’opera, che sia una composizione, o un semplice passaggio fatto bene. Spero mi seguirai attraverso le righe di una cultura che non tutti sanno interpretare nel giusto verso, ma alla fine uscirà fuori solo chi sa muoversi seriamente. Ti do il benvenuto e spero che un giorno potrai dire a tutto il mondo che ti sarò stato utile in qualche modo. Il mio blog è rivolto a tutti, maschi e femmine, parlo al maschile e voglio quindi evitare futili ripetizioni del tipo “o/a” , “i/e” .

LEAVE A COMMENT

Seguimi

Seguimi sui social, se sei social non fare il dissocial!

About me

Dario Power

Dario Power

Vola come un ape, pungi come una farfalla!

Ultimi commenti

Login / Iscriviti


Accedi con i tuoi social:
Non sei ancora iscritto?

Registrati

Rimarrai sempre aggiornato ogni volta che esce un articolo e avrai accesso a contenuti aggiuntivi sul mondo del djing.

Il Sondaggio Malvaggio Che ti mette a Disaggio!

Quale sarà la tecnologià che verrà più usata in futuro?

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.