Il Cueing col giradischi, metodo standard


Il cueing standard

Inizio del disco in vinile, tre dischi a confronto

Tre tipi di dischi, un timecode 10″(bianco), un disco mix 12″ e un EP 10″ ognuno all’inizio a delle tracce di forma diversa dove non c’è suono, è una zona di sicurezza per adagiare la puntina. Spesso nelle vecchie canzoni prima che iniziassero si sentiva del fruscìo, era il rumore della puntina che attraversava questa zona.

Iniziamo a far funzionare un giradischi come si deve, e quindi impariamo le prime tecniche su come farlo partire a tempo. Premetto che queste non sono delle tecniche di mixaggio, ma costituisce solo la base per usare un giradischi e costruire un mix. Nella sezione che ho dedicato al digitale, ho elencato come preparare la postazione, se non lo hai già fatto dovresti darci comunque un occhiata prima di continuare a leggere, potresti trovare qualcosa di interessante.
I primi deejays, che imparavano a suonare con i giradischi, spesso passavano direttamente alla tecnica del beatmatching dove manipolavano il disco in preascolto per adattarlo al disco in ascolto senza imparare le tecniche passo passo, vuoi perché si aveva molta determinazione ad imparare, vuoi perché sembrava assurdo acquistare due vinili uguali o comunque dei dischi che non servivano anche perché il costo di un disco era abbastanza elevato (in Italia dalle 11 mila lire in su). Potresti passare anche tu alla tecnica del beatmatching direttamente, soprattutto se pensi di avere una buona dote nel gestire il disco o comunque se hai già una buona infarinatura delle tecniche di base, ma comunque leggere i seguenti articoli non è mai tempo perso, come non lo è stato per me scriverli.

Come si fa, studiamo il disco

Se noti attentamente un disco in vinile del tipo mix o 12” quelli che contengono le tracce di musica da mixare, potrai notare che i solchi non hanno tutti le stesse caratteristiche, ovvero sono più spessi o più distanti. All’inizio del primo brano vedrai chiaramente che i solchi sono diversi, così ti accorgerai quando finisce una traccia e ne inizia un altra dal fatto che i solchi cambiano forma per qualche millimetro e poi riprendono la forma normale, questo significa che è finita una traccia e ne è iniziata un altra. Per iniziare a trovare l’inizio della canzone e quindi il primo punto cue, devi spostare la puntina all’inizio della traccia, e quindi all’inizio del disco per la prima traccia, o dove cambia forma per le altre tracce, ma prendiamo come esempio che tu hai in preascolto la prima traccia del disco, quindi metterai la puntina all’inizio del disco. A questo punto non ti resta che far partire il disco (premendo il tasto play) e aspettare che inizia la canzone, potresti anche spostare la puntina di qualche millimetro verso l’interno per velocizzare l’attesa, ma ti consiglio di farlo in futuro.
Adesso quando la puntina toccherà il primo solco più spesso, la canzone inizierà, finchè non localizzeri la prima battuta, quindi dovrai fermare il disco con la mano senza fermare il giradischi (quindi il volàno continuerà a girare con lo slipmat che fa da frizione).
Centrata la prima battuta, devi tornare indietro con la mano fino all’inizio della battuta stessa e lasciare il disco quando il battito in preascolto coinciderà con quello in ascolto.

Chiariamo meglio il concetto con un piccolo esercizio

Per fare questo esercizio dovrai acquistare due dischi in vinile dello stesso tipo, e soprattutto di un genere comunque minimale oppure house, se non hai la possibilità di farlo, dovrai studiare bene i due dischi diversi che sceglierai, magari senti bene le versioni extended su youtube o su un sito che ti permette di ascoltare il brano, almeno dall’inizio. Il brano deve iniziare con la batteria e deve essere comunque una battuta simile per entrambi i dischi, o comunque le battute dei due dischi si devono assomigliare, inoltre, sulla copertina del disco, oppure spesso nelle informazioni del brano troverai la battuta ovvero i bpm che è molto importante, questi devono essere segnati gli stessi. Se non sai proprio come fare o non trovi le battute del disco, devi mettere la canzone sul pc, magari scaricala da internet, tanto hai l’originale, e da qui ti scarichi un programma che ti dice la battuta, sul web ce ne sono a bizzeffe, basta cercare il termine bpm counter. Se hai i giradischi col timecode, non ci sono problemi, puoi scaricarti qualche canzone che ho proposto nella sezione degli esercizi.

Adesso mettiti in consolle, azzera tutti i fader del mixer, azzera anche il pitch dei giradischi, alza il volume del giradischi B e abbassa quello del giradischi A e Iniziamo:

  • Fai partire la base del giradischi B e metti in preascolto il giradischi A premendo il tasto cue del mixer;
  • Fai partire il disco A in preascolto con il relativo volume abbassato posizionando la puntina all’inizio della traccia;
  • Il disco gira e stai attento finchè non inizia la canzone, senti bene in cuffie perché dovrai trovare la prima battuta;
  • Trovata la prima battuta, blocca il disco con una mano e spingila leggermente indietro finche non vai all’inizio della prima battuta;
  • Adesso ascolta il brano master, e manda avanti e indietro il disco manualmente cercando di allineare il basso della traccia master;
  • Quando percepisci il quarto, ovvero quattro serie di quattro battute, lascia il disco e prova per un paio di battute e poi riavvolgilo velocemente fino al punto di partenza, ovvero la prima battuta, questa operazione si chiama Back Cueing;
  • Dopo aver provato per qualche quarto a lanciare il disco, adesso al quarto decisivo devi lanciare il disco senza fare back cueing;
  • Adesso il disco è partito, cerca di capire tra il preascolto con un orecchio in cuffie e la traccia master con l’orecchio libero se il disco è allineato, e quindi alza il volume del disco B, se hai un buon orecchio sentirai i battiti sincronizzati, se hai una pessima mano sentirai una ciofeca, pazienza, io ho fatto di peggio, lo abbiamo fatto tutti serve solo volontà e deteminazione;
  • A questo punto, metti in preascolto il disco B e abbassa il volume, metti la puntina all’inizio del disco, e parti dal punto primo di questo esercizio.

Cosa abbiamo fatto

La base principale per mixare con un giradischi è prendere il controllo del disco, imparare a farlo partire nel modo più adeguato, e quindi prendere la mano nel gestire la partenza del disco, non a rilento e senza nemmeno spingerlo. Inanzi tutto individuiamo il punto su come far partire la canzone e quindi memorizziamo la posizione del disco in cui inizia il punto da noi scelto, a questo punto mentre la canzone va avanti, ci sincronizziamo a tempo e facciamo partire il disco per prendere un pò la mano e orientarci su come verrebbe il risultato in anteprima e magari correggere qualche imperfezione nella partenza, dopodiché individuato il punto su cui farlo partire, ovvero il quarto, facciamo la vera partenza. Alla fine, è lo stesso concetto del digitale, ma al posto di premere un pulsante aggiungiamo la manualità.

Qui di seguito viene illustrata la tecnica del cueing con il giradischi sinistro DeckA posizionato in verticale (battle position), mentre sopra ho sovrapposto una rappresentazione grafica di quello che succede nel muovere il giradischi, sotto vengono spiegate entrambe le reazioni.

Il cuening con il disco per centrare la battuta
Disco – Fai partire a tempo la traccia provando mano mano a centrare il basso facendo andare leggeremente avanti e indietro il disco.
Waveform – DeckA fermo, la traccia è quasi centrata sulla linea rossa nel mezzo del deck che contrassegna l’andamento del brano, mentre le tacche bianche segnano la battuta. DeckB gira la traccia
Il cue con il vinile classico, tieni il movimento
Disco – La traccia è partita mentre con la mano segui l’andamento del disco per poterlo riavvolgere facilmente.
Waveform – Mentre il DeckB contrassegnato come master scorre la traccia, è possibile vedere che il disco ha fatto suonare quasi una battuta.
Gira indietro il vinile fino all'inizio
Disco – Dopo aver provato la prima battuta, il disco viene raccolto fino al punto cue (back cueing).
Waveform – La traccia gira velocemente all’indietro fino ad arrivare al punto di partenza.
Dal punto iniziale della song fai partire il vinile quando è il momento
Disco – Adesso che la traccia è al punto di partenza, riprovare a farla partire come al primo punto, e quando arriva il momento fai partire il disco senza fermarlo più. A questo punto il disco è andato e devi solo gestirlo per adagiare il mix.
Advertisements
Condividi con i tuoi amici ;)
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mi piace la musica, mi piace creare note, suoni ed armonie, amo combinare il tutto per sentirne il risultato e gioire così del mio operato. Non è detto che per essere bravi bisogna per forza essere dei geni, si può creare anche senza spartiti, quello che ci deve guidare è la nostra passione, che alimenta la creatività. Ogni strumento che sia una corda, un tasto, un disco, un pulsante può essere usato per creare un’opera, che sia una composizione, o un semplice passaggio fatto bene. Spero mi seguirai attraverso le righe di una cultura che non tutti sanno interpretare nel giusto verso, ma alla fine uscirà fuori solo chi sa muoversi seriamente. Ti do il benvenuto e spero che un giorno potrai dire a tutto il mondo che ti sarò stato utile in qualche modo. Il mio blog è rivolto a tutti, maschi e femmine, parlo al maschile e voglio quindi evitare futili ripetizioni del tipo “o/a” , “i/e” .

2 commenti

  • Doctor Dj
    4 settembre 2013 at 19:00

    Questo commento è stato eliminato dall’autore.

  • Doctor Dj
    4 settembre 2013 at 18:53

    Questo commento è stato eliminato dall’autore.

LEAVE A COMMENT

Seguimi

Seguimi sui social, se sei social non fare il dissocial!

About me

Dario Power

Dario Power

Vola come un ape, pungi come una farfalla!

Ultimi commenti

Login / Iscriviti


Accedi con i tuoi social:
Non sei ancora iscritto?

Registrati

Rimarrai sempre aggiornato ogni volta che esce un articolo e avrai accesso a contenuti aggiuntivi sul mondo del djing.

Il Sondaggio Malvaggio Che ti mette a Disaggio!

Da quanto tempo suoni (sia studio che party)

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.