Suonare in modo professionale con il mac


Suonare in modo professionale con il mac

Come impostare un macbook per suonare in modo professionale

E’ un dato di fatto, ma popolare che il macbook vanta di una grande stabilità e fluidità durante le procedure multimediali e comunque per tutto il complesso delle operazioni, questo non significa che sono macchine perfette ed infallibili. Il sistema operativo OSX come tutta la filosofia Apple, permette in parole molto povere di dividere il lavoro che compie il sistema operativo con quello delle applicazioni installate, questo significa che nonostante tutti gli impiastri che potresti fare nell’installazione / disinstallazione di applicazioni, il sistema operativo non subisce alterazioni nelle performance, ma attenzione, questo non significa che hai l’onnipotenza nelle mani!
Windows al contrario è suscettibile nella gestione dei software installati in quanto vanno ad installarsi delle informazioni dentro i files di sistema che compromettono oltre alla lentezza globale del sistema, anche il funzionamento.

Per garantire il corretto funzionamento del tuo Mac e quindi continuare ad avere la stabilità certificata devi seguire delle piccole regole ma banali, spesso molte di queste vengono in automatico per logica, spesso alcune vengono omesse perché non rientrano nelle proprie attitudini, spesso però possono essere tralasciate perché ci sembrano ovvie. Quindi voglio illustrarti cosa devi fare per continuare ad avere la certezza che il tuo mac ti renda sempre il massimo per suonare in modo professionale.
Allora vediamo le operazioni da compiere in modo generale, anche in studio, e quelle da compiere nel momento in cui si va a suonare.

Operazioni generali

La regola principale per far funzionare un mac a regola d’arte, come d’altronde tutti i notebook, è quella di usarli solo ed esclusivamente per le operazioni professionali, ovvero se usi un software di audio mixaggio, va bene, ma poi hai bisogno di fare i ritocchi, quindi installi un’applicazione di audio editing, e ci sta, ma poi devi masterizzare, e ci vuole l’applicazione, poi vuoi dedicarti al video editing e a convertire i formati video e ad andare su internet e ad installare una marea di applicazioni che nemmeno tu conosci. Calma!

La prima regola è quella di installare solo le applicazioni per lo stretto necessario, il resto devi rimuovere quelle inutili e poco utilizzate. Se davvero ti servono, visto che oggi serve tutto, devi comprare un altro computer e cazzeggiare su quello.

La seconda regola è quella di navigare con cautela. Ho notato che ci sono persone che davanti ad un pc, come alla guida di una macchina assumono atteggiamenti ansiosi e maniacali, conseguenza di ciò sta nel fatto che quello che gli capita macinano, non leggono le finestrine che escono e cliccano facilmente sui tasti di conferma, conseguenza di ciò che potrebbero scaricare dei malware e dei virus che spesso possono diventare pericolosi ed irremovibili se non con l’inizializzazione del sistema, e quindi eliminare tutto e di conseguenza devi rifare tutto daccapo, che significa perdere tempo inutilmente. Il Macbook ha un sistema operativo difficilmente attaccabile dai virus, ma non è mai stato specificato come, infatti se dai l’opportunità di entrare a qualsiasi malware dando consensi a destra e a manca, ben poco può fare la stabilità del OS. Inoltre molti virus attaccano le porte USB e come ben sai la maggior parte dell’hardware collegato ad un mac per un djset è tutto interfacciato tramite le porte USB, inoltre mentre lavori in modalità live possono agire dietro le quinte e creare scompiglio, e spesso questi virus per rimuoverli devi inizializzare, non c’è Dio che tenga!
Quindi se vuoi suonare in modo professionale devi dire no al bivaccare tra le applicazioni inutili e insicure, no nel cliccare tasti di conferma senza prima aver letto, e sopratutto no nel navigare cazzeggiando, ovvero aprire i link strani sui social network, aprire le mail curiose, e tutto ciò che non ha a che vedere con l’uso quotidiano professionale sicuro che riguarda il tuo lavoro. Per cazzeggiare ribadisco che va usato un altro computer.

Mantenere il Dock Pulito. Mettere solo lo stretto necessario e soprattutto la “roba seria” sul dock è molto importante non tanto per le prestazioni del sistema, ma quanto per le “manovre accidentali”. Anche se l’esecuzione del software è in modalità “a tutto schermo” potresti avere bisogno del Finder per trovare una traccia, e sappiamo che l’apertura del Dock è molto sensibile al movimento del mouse, quindi potresti cliccare accidentalmente su un’applicazione che nell’apertura ti impegna tempo e memoria come un programma di video editing, o un gioco.

Non saturare troppo il tuo HD. Non riempire il tuo Hard Disk di tracce e roba varia, tieni sempre pulito il cestino, smista sempre la cartella Download, eliminando quello che non ti serve e archiviando quello che non usi più. Pulisci i files di archivio delle applicazioni, ad esempio se hai creato un mixtape, una volta finito il lavoro cancella tutti i files collegati al progetto creato con il tuo software di audio editing, o trasferiscilo su un Hard Disk esterno.

Non aggiornare il sistema operativo. Lo dico sempre e lo ribadisco sempre, non bisogna aggiornare immediatamente dal rilascio di una nuova versione del sistema operativo. Non c’è una data precisa per cui bisogna effettuare gli aggiornamenti, ma è opportuno prima aspettare il bollettino ufficiale che attesta la compatibilità in base ai tuoi interessi. Nella sezione news del mio blog mi prendo cura di avvertire i miei lettori su ogni incompatibilità riguardo agli aggiornamenti e di riportare i vari bollettini rilasciati dai maggiori produttori di software per dj.

Se necessario crea un’installazione pulita del tuo SO. Periodicamente vengono rilasciati aggiornamenti che cambiano il sistema operativo, come ad esempio da Mavericks a Yosemite a El Capitan. Questi aggiornamenti implicano oltre ad un cambiamento radicale del sistema di base, anche l’aggiornamento delle varie applicazioni installate creando un cumulo di files che provocano il rallentamento del tuo macbook, quindi a seguito di ciò se noti un rallentamento del tuo macbook che potrebbe provocare anche il mal funzionamento del tuo software, è necessario quindi fare un’installazione pulita del sistema operativo corrente.
Per sapere avere maggiori informazioni su come fare un’istallazione pulita del sistema operativo corrente, ti basta fare una ricerca su Google immettendo un termine tipo: “installazione pulita …”

Cosa fare prima del dj set

Disattiva Wifi e Bluetooth. Dalla barra in alto a destra assicurati che il wifi e i buetooth siano disattivati, puoi accenderli per collegarti velocemente in rete se necessario, ma a priori farei una prova in studio se questa operazione non da fastidio al tuo software.

Chiudere tutte le applicazioni in esecuzione. Ogni applicazione aperta impegna una parte di memoria Ram molto importante nelle risorse multimediali. Quindi qualsiasi applicazione aperta andrà a sottrarre delle potenziali risorse nel lavoro del tuo software che usi mentre stai suonando.

Chiudere le applicazioni in Background. Spesso usando un’applicazione, anche dopo la sua chiusura questa può rimanere operativa dietro le quinte del tuo mac, con la causa che potrebbe occupare una piccola porzione di Ram, quindi se necessario, devi killare il processo di esecuzione. Per controllare le applicazioni che impegnano energia, devi andare dalla cartella Applicazioni > Utility > Monitoraggio Attività. Dal pannello energia seleziona l’attività che vuoi chiudere e clicca sul tasto “X” in altro a sinistra del pannello. Alla base di ciò si suppone che il Mac viene acceso prima di iniziare a suonare o per lo meno viene riavviato, questo garantisce uno stato più fresco della memoria.

Disattiva lo ScreenSaver. Lo screensaver può essere molto fastidioso ed è necessario disattivarlo da Preferenze di Sistema > Scrivania e Salvaschermo. Il fastidio peggiore che potrebbe arrecare è quello di dover mettere una password mentre si sta suonando solo perché non si tocca il Mac per un periodo di tempo, e questo potrebbe essere un fastidio a seconda del momento in cui capita. Il fastidio minore è quello che si oscura lo schermo e dovrai toccare il trackpad o un tasto per riattivarlo, sperando di fare ciò in un momento opportuno.

Disattivare il Risparmio Energia. Dalle Preferenze di Sistema > Risparmio Energia nel pannello “Alimentatore di corrente” assicurati che la casella “Metti in stop i dischi rigidi quando è possibile” non sia spuntata, inoltre puoi impedire che il tuo Mac non vada in stop slittando i cursori situati più in alto su “Mai”, questa è una scelta soggettiva. Si suppone che quando suoni usi l’alimentatore di corrente, e questa operazione serve a non far oscurare il monitor quando non viene toccato il mac, inoltre non disattivando i dischi rigidi, non corri nessun pericolo che si potrebbe bloccare qualcosa.

Disattiva TimeMachine. Su Preferenze di Sistema > Time Machine impostalo ad Inattivo.

Non suonare le tue tracce da penne Usb o HD esterni. Suonare brani da un HD esterno comporta un po’ un piccolo rischio sia per la fragilità che hanno gli HD in se stessi, in quanto essendo dei componenti molto mobili si indeboliscono giornalmente e sia perché è una parte “collegata” che potrebbe scollegarsi in qualsiasi momento come potrebbe smettere di funzionare, tuttavia non è opportuno nemmeno riempire il tuo HD interno di brani saturando la capienza del tuo Hard Disk interno, in quanto questo compromette molto la stabilità del sistema. Gestisci bene quindi i brani che metti abitualmente posizionandoli nell’HD interno del tuo Mac, e i brani di repertorio o meno usati in un HD esterno, e possibilmente cerca di sfruttare una connessione USB 3.0 in quanto un HD esterno rallenta molto le prestazioni del tuo software soprattutto in fase di analisi del brano.

Non fare aggiornamenti prima di esibirti. I cambiamenti fatti all’ultimo momento sono già sintomo di disastro, figurati un aggiornamento che potrebbe andare a cambiare le impostazioni del tuo software o effettuarne un reset, o peggio, comprometterne il funzionamento e peggio ancora non farlo funzionare a causa di un bug. In questo caso rimarrai a piedi all’ultimo momento e come si suol dire:

Chi è causa del suo male pianga se stesso

.
Una buona pratica invece è quella di fare un backup delle impostazioni o comunque una manovra che permette di recuperare e ripristinare velocemente il tuo mac allo stato funzionante attuale.

Alcune regole spesso possono essere trasgredite senza nessuna causa, ma ci sono alcune regole che non ti lasciano scampo sarà cura tua capire quale di queste potrai infrangere a tue spese, ma ricordati che alla base di tutto ciò, prevale sempre la regola del buon senso umano dove il computer non ha nessun controllo sull’errore umano, un mezzo ha bisogno di manutenzione e inoltre si esige il totale rispetto nei confronti di qualsiasi mezzo lavorativo, che sia una penna usb, o che sia un lettore di migliaia di euro, alla fine:

le cose si avvicinano un po’ alle persone, come le tratti ti trattano

.

Advertisements
Condividi con i tuoi amici ;)
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mi piace la musica, mi piace creare note, suoni ed armonie, amo combinare il tutto per sentirne il risultato e gioire così del mio operato. Non è detto che per essere bravi bisogna per forza essere dei geni, si può creare anche senza spartiti, quello che ci deve guidare è la nostra passione, che alimenta la creatività. Ogni strumento che sia una corda, un tasto, un disco, un pulsante può essere usato per creare un’opera, che sia una composizione, o un semplice passaggio fatto bene. Spero mi seguirai attraverso le righe di una cultura che non tutti sanno interpretare nel giusto verso, ma alla fine uscirà fuori solo chi sa muoversi seriamente. Ti do il benvenuto e spero che un giorno potrai dire a tutto il mondo che ti sarò stato utile in qualche modo. Il mio blog è rivolto a tutti, maschi e femmine, parlo al maschile e voglio quindi evitare futili ripetizioni del tipo “o/a” , “i/e” .

LEAVE A COMMENT

Seguimi

Seguimi sui social, se sei social non fare il dissocial!


Iscriviti al periodo di prova gratuito di Amazon Prime video che ti permette di guardare film e serie TV in streaming su PrimeVideo.com, incluse le serie TV di successo come American Gods, The Grand Tour e The Man in The High Castle.

Condividi l’articolo

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

About me

Dario Power

Dario Power

Vola come un ape, pungi come una farfalla!

News

Ultimi commenti

Login / Iscriviti


Accedi con i tuoi social:
Non sei ancora iscritto?

Registrati

Rimarrai sempre aggiornato ogni volta che esce un articolo e avrai accesso a contenuti aggiuntivi sul mondo del djing.

Il Sondaggio Malvaggio Che ti mette a Disaggio!

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.