Una saldatura a stagno semplice

Una saldatura a stagno semplice

3 maggio 2014 Fai da Te 0

La saldatura a stagno. Impariamo a saldare con il saldatore a stagno

La saldatura a stagno non è un’operazione complicata, ma è necessario capire il meccanismo e soprattutto sapere come bisogna comportarsi. In teoria, se prendi due cartoncini, e vuoi unirli tra di loro, ti basta un po’ di colla, con la saldatura a stagno il concetto è analogo.
Se prendi due fili di rame e vuoi unirli, non devi usare la colla, ma lo stagno che è una lega che si scioglie a temperature basse rispetto ad altre leghe (180°), a freddo ha il potere di unire le leghe e di conseguenza favorire la conduzione elettrica.
Per unire due fili con lo stagno è necessario: un saldatore che ha il compito di rendere lo stagno liquido riscaldandosi elettricamente; e lo stagno stesso in forma solida, il cosiddetto filo di stagno, se non sai quale scegliere dai un occhiata alla cassetta degli attrezzi.

Advertisements
Condividi con i tuoi amici ;)
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *