Una saldatura a stagno semplice


La saldatura a stagno. Impariamo a saldare con il saldatore a stagno

La saldatura a stagno non è un’operazione complicata, ma è necessario capire il meccanismo e soprattutto sapere come bisogna comportarsi. In teoria, se prendi due cartoncini, e vuoi unirli tra di loro, ti basta un po’ di colla, con la saldatura a stagno il concetto è analogo.
Se prendi due fili di rame e vuoi unirli, non devi usare la colla, ma lo stagno che è una lega che si scioglie a temperature basse rispetto ad altre leghe (180°), a freddo ha il potere di unire le leghe e di conseguenza favorire la conduzione elettrica.
Per unire due fili con lo stagno è necessario: un saldatore che ha il compito di rendere lo stagno liquido riscaldandosi elettricamente; e lo stagno stesso in forma solida, il cosiddetto filo di stagno, se non sai quale scegliere dai un occhiata alla cassetta degli attrezzi.

Prima di procedere devi rispettare alcuni piccoli accorgimenti

  • La saldatura va fatta in un luogo aerato, almeno un filo d’aria deve circolare o devi avere la possibilità di rinfrescare la stanza ed evitare che si accumulano i vapori della saldatura;
  • Di conseguenza evita di respirare i vapori che provengono dalla saldatura, per natura vengono attratti dal calore del tuo corpo, è inutile spostarsi per schivarli, ma devi evitare di inalarli;
  • Non prendere questa operazione come un gioco da ragazzi per quanto possa sembrare semplice, una piccola distrazione o agire con disinvoltura potrebbe costarti molto, quindi cerca di calcolare ogni piccolo movimento;
  • Fai attenzione con la corrente e con il saldatore, anche staccato potrebbe essere pericoloso, prima di toccarlo accertati che si sia raffreddato, prima di toccare la presa scaricala facendogli fare contatto su un pezzo di ferro.

Procediamo

Saldatura a stagno, cavi

Per iniziare con la saldatura, prima di evitare di compiere qualche danno e fare esplodere la casa, puoi iniziare a saldare un cavo elettrico, quindi procurati due pezzi di cavi abbastanza lunghi da rattoppare con uno spessore non inferiore ad 1,5mm.

saldatura a stagno forbici elettricista

Adesso bisogna spellare poco più di un centimetro, quindi addenta la guaina con la forbice da elettricista e stringi finchè non vedi l’anima in rame, allenta la presa, gira la forbice e stringi dall’altro verso facendo sempre attenzione a non toccare con le forbici l’anima con il rischio di tagliarla, inizialmente sarà difficile, ma basta capire il meccanismo.

sistema l'anima dei cavi

Quando avrai tagliato tutta la guaina intorno, dovrai levarla aiutandoti con la forbice, facendo attenzione a non strappare tutto, usa forza ma nello stesso tempo la giusta delicatezza.

prepara il saldatore

Il saldatore prima della saldatura va pulito per bene con uno straccio inumidito, quindi procurati uno straccio, inumidiscilo e pulisci bene la punta, a sua volta deve quasi luccicare, se questa presenta delle impurità molto incrostate o residui di metalli attaccati con lo stagno, è necessario limarle con cautela evitando di intaccare la punta, e ripulire la stessa punta con lo straccetto. La punta va altresì pulita tra una saldatura e l’altra.

spella bene i fili per la saldatura a stagno

I cavi da collegare tra loro e per essere saldati, devono essere attorcigliati e non lasciati sfolti, quindi devi prendere l’anima del cavo e girarla con le dita, come se stessi avvitandola, diventerà un elemento unico e compatto.

inizio saldatura a stagno

Adesso devi bloccare il primo cavo tra due libri o qualcosa che la faccia rimanere ferma, io ho usato una terza mano, quindi devi riscaldare l’anima con il saldatore. Tocca l’anima lontana dalla guaina e per due massimo tre secondi in modo tale da riscaldarla (e non surriscaldarla), poi toccala di nuovo e appoggiaci lo stagno tra la punta del saldatore e l’anima, tieni presente che non devi tenere il saldatore a contatto per più di tre secondi con il metallo, rischieresti di sciogliere tutto.

saldatura a stagno corretta

A questo punto lo stagno deve avere un colore vivo e lucido e deve spargersi per gran parte dell’anima, ma non deve essere un blocco piuttosto nero e sporgente, in questo caso bisogna riscaldare nuovamente lo stagno finchè non si spalma in modo omogeneo, altrimenti rischia di staccarsi dall’anima e compromettere la saldatura. Questa pratica erronea viene detta saldatura a freddo.

saldare con terza mano entrami i fili

Dopo aver proceduto con l’altro filo di rame, bisogna metterli in posizione tra di loro per unirli con lo stagno, io ho usato sempre la terza mano.
Appoggia adesso il saldatore tra i due fili per pochi secondi, già vedrai che lo stagno inizia a sciogliersi e a unirsi, aggiungi un altro po’ di stagno giusto per unire e rafforzare la saldatura, lascialo colare come hai fatto in precedenza e quindi togli stagno e saldatore.

fine saldatura a stagno

La saldatura è completa, i due cavi sono uniti e difficilmente possono essere spezzati, manca qualche giro di nastro isolante e l’opera è completa. Ricordo sempre che la forma della saldatura deve essere brillante e non opaca, omogenea e non spigolosa, inoltre prima di toccare il tutto, assicurati che lo stagno si sia raffreddato.

rifinitura saldatura a stagno

Per isolare la saldatura devi applicare la striscia del nastro isolante all’inizio della guaina in modo leggermente trasversale e girarla intorno alla saldatura nel modo più stretto possibile, percorrerla quindi tutta fino alla guaina del secondo cavo, ovvero a fine saldatura.
Arrivato a fine saldatura taglia il nastro dal rotolo, io faccio sempre una piccola svolta a fine nastro, in caso dovessi togliere in un secondo tempo il nastro, e quindi completare l’isolamento.

Dopo tanti tentativi, (io mi auguro pochissimi), dovrai iniziare a saldare dai cavi più sottili, in quanto un cavo più spesso non risente molto l’eccesso di calore, mentre il cavo più sottile lo assorbe di meno sciogliendosi, e di conseguenza rovinandosi, questo può capitare spesso nella saldatura dei cavi audio, quindi sarebbe opportuno che ti esercitassi prima con dei cavi più sottili come quelli delle cuffiette, chi è che non ne ha un paio rotto a casa?

Advertisements
Condividi con i tuoi amici ;)
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mi piace la musica, mi piace creare note, suoni ed armonie, amo combinare il tutto per sentirne il risultato e gioire così del mio operato. Non è detto che per essere bravi bisogna per forza essere dei geni, si può creare anche senza spartiti, quello che ci deve guidare è la nostra passione, che alimenta la creatività. Ogni strumento che sia una corda, un tasto, un disco, un pulsante può essere usato per creare un’opera, che sia una composizione, o un semplice passaggio fatto bene. Spero mi seguirai attraverso le righe di una cultura che non tutti sanno interpretare nel giusto verso, ma alla fine uscirà fuori solo chi sa muoversi seriamente. Ti do il benvenuto e spero che un giorno potrai dire a tutto il mondo che ti sarò stato utile in qualche modo. Il mio blog è rivolto a tutti, maschi e femmine, parlo al maschile e voglio quindi evitare futili ripetizioni del tipo “o/a” , “i/e” .

LEAVE A COMMENT

Seguimi

Seguimi sui social, se sei social non fare il dissocial!


Iscriviti al periodo di prova gratuito di Amazon Prime video che ti permette di guardare film e serie TV in streaming su PrimeVideo.com, incluse le serie TV di successo come American Gods, The Grand Tour e The Man in The High Castle.

Condividi l’articolo

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

About me

Dario Power

Dario Power

Vola come un ape, pungi come una farfalla!

News

Ultimi commenti

Login / Iscriviti


Accedi con i tuoi social:
Non sei ancora iscritto?

Registrati

Rimarrai sempre aggiornato ogni volta che esce un articolo e avrai accesso a contenuti aggiuntivi sul mondo del djing.

Il Sondaggio Malvaggio Che ti mette a Disaggio!

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.