Guida Italiana al Djing

Conclusione sui giradischi e il vinile

Giradischi e vinile, un parere finale

Negli ultimi decenni sono capitati alcuni eventi che hanno contribuito ad alimentare ancora di più la confusione che c’era tra i dj aspiranti. La produzione dei vinili è diminuita drasticamente e la Panasonic ha deciso di chiudere il ramo produttivo della Technics compreso i famosi giradischi che hanno segnato la storia del djing.
Questo che apparentemente potrebbe essere un segnale di decaduta del vinile interpretato decisamente male, è stato solo la conseguenza dovuta ad un miglioramento tecnologico. Parliamoci chiaro tempo fa con un disco che andavi a pagarlo poco più di dieci mila lire ci tiravi parecchie feste e parecchi mesi, adesso un successo dura pochissimo, oltre al fatto che il pubblico ha molte esigenze musicali, quindi dovresti avere almeno quattro borse piene di dischi se non di più che economicamente parlando ti costano davvero tanto, cosa che non si può dire a chi fa il resident o suona nei club e mette sempre lo stesso genere, la spesa va a restringersi notevolmente.

Advertisements
Condividi con i tuoi amici ;)
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

0 responses on "Conclusione sui giradischi e il vinile"

Leave a Message

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

top
DarioPower.it©. All rights reserved. E' vietata la pubblicazione del contenuto anche parziale senza il consenso dell'autore.