Come regolare la puntina

Come regolare la puntina

11 giugno 2013 Giradischi e Vinile 4

Come calibrare il braccetto per regolare la puntina

Questo è il punto più importante in materia, chi ha un giradischi deve riuscire a calibrare il proprio braccetto, non è un lavoro difficile, ma è necessario capirne il meccanismo.
La puntina deve esercitare una certa pressione nel solco del disco dove imprimendo nello stesso solco andrà a toccare le pareti per leggerne la traccia sonora impressa. Questa pressione deve essere adeguata, in quanto una bassa pressione rischia di far saltare facilmente la puntina, e una pressione forte rischia la rottura del disco e la consumazione rapida della puntina.
Questa pressione viene regolata tramite un contropeso che si trova all’estremità del braccetto, ed ha un valore massimo di 4 Kg.
Quando andrai ad acquistare la tua puntina, avrai un foglietto in dotazione dove la casa rilascia le specifiche relative al settaggio della puntina rispetto al braccetto, e la sua relativa altezza, nell’articolo prima linkato, sulle puntine, ho accennato anche al fatto che la puntina va acquistata di un certo valore, proprio perché alcuni produttori non rilasciano queste specifiche, a limite si potrebbero trovare su internet, altrimenti dovrai provare i valori che ti dirò di seguito.

Advertisements
Condividi con i tuoi amici ;)
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

4 risposte

  1. Giovanni ha detto:

    Bene, ricapitolando:
    Se la puntina pesa troppo sul solco si rischia di fare danni ad entrambi
    Se la puntina è troppo leggera neppure l’antiskate può evitare che il braccio “scappi”
    Messa così mi pare di capire che ,nei limiti possibili, più leggera è la puntina sul disco e più corretta è la lettura ….anche in termini di esperienza di ascolto. Giusto?
    Per esser più diretto: Il troppo o il troppo poco peso della puntina sul disco può determinare variazioni di qualità del suono?

    Grazie

    • DarioPower ha detto:

      Ciao Giovanni, come in tutti gli ambiti è necessaria la giusta ponderazione, prendi l’esempio della vicenda dell’olio di palma, tutti dicono che fa male poi si accendono la sigaretta.
      Ogni puntina ha all’interno delle specifiche, un range di peso da applicare in base al proprio setup, per gli audiofili c’è un giusto peso che garantisce un ottimo suono senza rovinare il vinile, per gli scratchers un peso eccessivo che garantisce la tenuta.

      Tenendo presente che per la qualità del suono è necessario una puntina ellittica, e ovviamente come hai detto tu, il giusto peso che determina il compromesso tra l’usura dei materiali, la stabilità e la qualità del suono.
      Mentre discorso più esteso se si vuole usare il disco per mixarlo, quindi è da aggiungere il parametro relativo al proprio tatto (e a volte anche la presenza di vibrazioni).

      Sconsiglio caldamente, come lo fanno in tanti, di mettere “la monetina” sul braccetto o caricare la puntina di pesi eccessivi, se vuoi avere il massimo della stabilità, devi acquistare la puntina giusta.

      Rispondendo quindi alla tua domanda diretta, la variazione eccessiva di peso, può determinare minime variazioni di qualità del suono assieme ad altri parametri (come la polvere nei solchi o lo stato di usura della puntina stessa), tuttavia un peso eccessivo raccoglie più polvere e più fruscio e soprattutto si sporca più facilmente (quindi ha meno tenuta) consumando di più i solchi, un peso leggero legge bene i solchi ma fa saltare facilmente la puntina.

      Spero di esserti stato utile.

  2. Anonymous ha detto:

    Grazie Dario, finalmente senza grossi giri di parole degni di illustri ingegneri elettronici, ho finalmente capito come regolare il braccetto del mio giradischi ! Un saluto, Marco

    • Dario Power ha detto:

      Ciao Marco, quando ho scritto quest’articolo l’ho letto diverse volte cercando di capire se riuscivo a trasmettere il concetto ai miei lettori, ma sono stato sempre con il dubbio che venisse capito o meno.
      Oggi tu mi hai dato la conferma di aver fatto un buon lavoro, grazie di nuovo, spero di sentirti presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *