Benvenuto nel mio sito, iscriviti tramite mail o notifiche per rimanere sempre aggiornato sulle novità che proporrò in quest'anno

Un Buon inizio, Cosa fare

Come iniziare, cosa bisogna fare. Per un buon inizio, cosa fare

Dopo tutte le note dolenti e i divieti impartiti nell’articolo precedente, adesso passiamo alla parte operativa: quello che bisogna fare e come bisogna farlo.
Non smetterò mai di dire che il primo ingrediente del successo è l’impegno, la passione e la volontà, quindi armati di tanta volontà e cerca di fare tantissima pratica, sembra che i risultati aspettati non vengono mai, quindi un giorno mollerai sicuramente, poi andrai a riprovare e allora ti accorgerai dei veri progressi che hai fatto.

Ma prima dobbiamo fare qualche passo indietro, e capire di cosa abbiamo bisogno e cosa dobbiamo imparare.
Come ho accennato nell’articolo precedente, il dj non si limita soltanto a mettere la musica e ad accontentare le persone, ma deve avere una buona conoscenza dell’attrezzatura in generale, per capire a cosa serve un attrezzo e fare un confronto, e dell’impiantistica audio, non solo per collegare l’attrezzatura in se stessa, ma anche per poterla collegare ad un impianto esterno, nonché una cultura musicale discreta.

Quindi per poter andare avanti dovrai imparare/approfondire questi punti:

Questi sono i principali attrezzi del mestiere, ma oltre ad esservi altri attrezzi che spiegherò in seguito e che servono per altri scopi, è importante la pratica e la cultura musicale.

La scelta dell’attrezzatura è importante, ma inizialmente è importante un attrezzatura composta da due cdj, un mixer a due canali, un paio di cuffie, e una cassa. Il mio consiglio è di non spendere più di 500 euro totali, tenendo presente che le cuffie si possono prendere di qualsiasi tipo basta che siano ad archetto, mentre per le casse puoi usare quelle del pc, a patto che il suono esca limpido e ad alti livelli, non spenderci meno di 30 euro in questo caso.
Vorrei però sottolineare una cosa: Questo è un consiglio che sto dando per evitare di spendere soldi inutili, ma ricorda che fare pratica con un paio di casse scadenti e soprattutto suonare con un paio di cuffie non professionali ti renderà il lavoro molto ma molto difficile, è vero che le basi devi costruirle solide, ma almeno un minimo di bassi bisogna sentirlo.

Inizialmente non è nemmeno importante fissarsi su un determinato genere musicale, e ne tanto meno spendere soldi inutili con la musica cercando di scegliere più generi musicali. I brani andrebbero acquistati uno alla volta (negli estore si trovano anche a meno di un euro per un brano), se i lettori che hai non supportano la lettura digitale (usb), è possibile acquistare le raccolte dei brani più popolari di vari artisti (i famosi VV.AA), io consiglierei di buttarti sulle raccolte house (dj selection, o 4djs only) in vendita sul sito della self (www.self.it) o su ibs (ibs.it) o discopiù, in questi ultimi due avrai anche la possibilità di ascoltare in anteprima ogni singola traccia del cd funzione molto importante. Un ottima idea potrebbe essere quella di trovare qualcosa di seconda mano, ma ricordati che il genere deve essere poco complesso, le tracce devono essere miscelabili (extended, club mix, original mix), e la raccolta deve essere unmixed.

Se nello spendere soldi nella musica dovrai essere parsimonioso, il contrario dovrai farlo con il tempo da dedicare nello studio delle tecniche. Frequentare una scuola che insegna questo mestiere sarebbe una bella cosa, ma chi non ha la possibilità deve arrangiarsi come si faceva un tempo. Leggere dei manuali sul djing (o il mio blog) è importante, c’è sempre qualcosa da imparare, anche da chi ne sa meno di te. Ascoltare un dj che suona dal vivo sarebbe bello, ma non è poi così tanto utile, io preferisco guardare dei video, spesso ci sono dei ragazzi che si esibiscono nelle loro stanze, scrivono nel titolo del video il genere musicale e la data delle hit. Basta trovare quello che fa di più al nostro caso e studiarlo. Si trovano anche delle utilissime guide che fanno vedere qualche tecnica, ma io un pò le odio, perché molte sono in inglese, e hanno il vizio di fare tante parole e pochi fatti, meglio una guida quasi muta che spiega subito la tecnica e non una noiosissima prefazione biblica in inglese per spiegare una cosa che si potrebbe anche arrivare con la logica.

Ultima cosa importante è il confronto, se hai la possibilità di trovare qualcuno che possa vederti all’opera sei fortunato, altrimenti dovrai cercarlo on line. Trova qualcuno di fiducia, una persona professionale, studialo bene prima di esporti. Registra i tuoi mixati meglio se corti e falli vedere. Non pubblicarli sui canali come youtube o altri canali dove possono commentare tutti, ci sono tanti cretini in giro, gente insensibile che non ha di meglio da fare e scrive tante cose offensive, potrebbe essere una brutta legnata per chi è alle prime armi.
Sempre rimanendo in tema, dovrai registrarti sui forum per dj (magari dite in giro che ve l’ho suggerito io 😉 ), è pieno di tanta gente preparata, educata e gentile, disposta ad aiutarti soprattutto nelle scelte o nel risolvere i tuoi dubbi e problemi. Ma ricordati sempre una cosa: Educazione, umiltà e gentilezza come nel mondo reale anche in quello virtuale.

Condividi con i tuoi amici ;)
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

0 responses on "Un Buon inizio, Cosa fare"

Leave a Message

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

DarioPower.it©. All rights reserved. E' vietata la pubblicazione del contenuto anche parziale senza il consenso dell'autore.