Il muletto per chi non lo sapesse è un sostituto momentaneo di uno strumento o utensile che serve nella quotidianità, nella maggior parte viene usato per gli accessori di uso frequente, il muletto piu celebre è quello dei telefoni, mentre per un professionista direi che un sostituto potrebbe essere il termine adatto, in definitiva: ti si rompe una cassa, hai come rimediare? In questo caso entra in gioco il muletto.

Avere un rimedio a portata di mano, rappresenta un ottimo indice di professionalità, che ti consente di portare a termine un impegno, scuse del tipo “non posso venire mi si è rotta l’attrezzatura” è un colpo basso per un professionista, quindi per portare a termine ogni impegno è necessario giocare in anticipo prevenendo queste situazioni.

A chi serve il muletto

Se sarai tra quelli che penseranno che tutto questo non ti potrebbe servire allora non è detto che tu non abbia ragione, con la tecnologia che avanza i prodotti sono sempre piu longevi ma non indistruttibili.

Se hai una media di due / quattro serate al mese tecnicamente un muletto potrebbe non servirti, in quanto avresti il tempo materiale per poterti procurare una riserva con calma, oppure il tempo necessario per inviare un componente in assistenza, per poi riceverlo, o in alternativa lo stato di usura della tua attrezzatura se di nuovo acquisto dovrebbe reggere tranquillamente le ore di lavoro finchè non diventa obsoleta e arrivare a cambiarla, ovviamente questo comporta anche il fatto che tu dovresti perdere o meglio dovresti non prendere alcune serate, un paio al massimo, in attesa del rimpiazzo, questo dipende da tante cose che dovrai valutare tu, continua a leggere potresti trovare la soluzione.

Se hai una media superiore alle quattro serate al mese allora se non hai un muletto è ora di provvedere, questo perchè come ben sai l’attrezzatura si usura, come un’auto che usi ogni giorno a cospetto di un’auto che tieni in garage per prenderla solo alla domenica, la frequenza per cui le porti dal meccanico è diversa come ben sai meglio di me.

A ciascuno il suo muletto

Molti dj puntano per le soluzioni stand alone, ma davvero possono essere cosi sicure da come la maggior parte lo pensano?

Bisogna sottolineare che una soluzione standalone, e una soluzione compatta, significa che se si rompe un componente devi mandare tutta la consolle in riparazione, cosa diversa per una consolle tradizionale, dove ad esempio se si rompe un componente del mixer, ti basta avere un mixer di riserva, da aggiungere l’aggravante che un controller professionale per via dell’innovazione ha una durata sul mercato inferiore rispetto ad una consolle tradizionale, tuttavia, la consolle tradizionale come vedrai hai un costo piu elevato.

In questo caso prendiamo in considerazione solo la parte del setup composto dalla consolle di base che usa un dj che rappresenta il cuore dell’attrezzatura e analizziamo le varie possibilità ripartite per resa, ed esigenze professionali.

La scelta del muletto viene tenuta conto in base a tre livelli che prendono in considerazione alcuni fattori, o meglio dai tuoi standard qualitativi, o meglio se sei abituato a suonare nei club (a volte manca parte dell’attrezzatura, dovrai mettere a disposizione la tua) o a fare dei matrimoni, non puoi avere un muletto da dj bedroom; altresì se non hai una buona versatilità, devi puntare su un attrezzatura paritaria alla tua, quindi se sei abituato con l’uso di memorie USB, sarà difficile usare un notebook nei tuoi dj set, a prescindere dal fatto che la versatilità è segno anche di professionalità, ma non obbligatoriamente lo si deve essere.

Per concludere, come già ribadito, fai bene attenzione ai prodotti obsoleti, è vero che un Cdj costa tantissimo, ma ha una durata minima decennale, attualmente (data in cui è scritto l’articolo), possiamo anche dire che è possibile utilizzare come muletto anche un Cdj 2000 uscito nel 2009 in sostituzione ad un Cdj 3000 o comunque nel rispetto di questo standard con funzioni basilari.

Stesso discorso ovviamente vale per il mixer di cui andrebbe meglio un mixer professionale ed usato e non un mixer nuovo di fascia inferiore.

Un muletto è una sostituzione

Come già detto il muletto è un qualcosa che deve sostituire in modo momentaneo la tua attrezzatura, ma tutto è correlato a cosa dovrai sostituire, non è un discorso denigratorio ci mancherebbe, ma se sei abituato ai party privati oppure a suonare nei bar, anche un muletto di base andrebbe bene, anche perchè si tratta di una “pezza”, una sostituzione di massimo 4/8 serate.

Discorso diverso se devi mantenere degli standard qualitativi alti come nei club e nei matrimoni, i quali non potresti usare un attrezzatura entry level, ma parlo al condizionale perchè poi ognuno sa mettere una pezza adatta ai propri pantaloni.

Da tenere presente che il muletto va testato usandolo periodicamente, almeno una volta al mese dovresti usarlo giusto per vedere se funziona ed evitare che ti lascia a piedi anche il muletto stesso perchè non si accende improvvisamente o i drivers non funzionano, o hai fatto qualche cambiamento all’ultimo momento che ti è sfuggito.

Questa ipotesi è caldamente consigliata per chi usa un solo notebook con piu controller, dal momento che aggiorni il tuo notebook ricordati che devi testare tutto, ogni cambiamento va testato.

Notebook come muletto

E’ molto importante a mio avviso prendere in considerazione l’acquisto di un notebook sostitutivo come muletto per chi usa un controller tradizionale.

Attualmente con una cifra di 400 euro (ricondizionato) terremo in considerazione un MacBook Air del 2017 che ha ottime caratteristiche come muletto, tuttavia puoi optare per modelli con caratteristiche inferiori, tenendo presente che con i vari aggiornamenti si rischia di avere problemi di compatibilità, a meno che non vuoi optare come spesso ribadisco per una soluzione a se stante, ovvero un controller compatibile con il tuo notebook da lasciare in modo invariato ma con la sicurezza che tutto funziona.

Opzione da prendere con le pinzette visto che non tutti si adattano a determinate alternative e alcuni setup come quelli fatti con i giradischi in timecode, non darebbero una buona resa l’uso di un sistema diverso da quello che si usa abitualmente anche se come pezza, poi è relativo.

Optare su un usato privato soprattutto se garantito sarebbe la soluzione migliore, se vuoi facilitarti il lavoro ed essere piu sicuro puoi fare una ricerca su un sito come questo.

Consolle completa tradizionale

consolle muletto dj pioneer

Se hai una consolle composta da due lettori cdj è un mixer, dovresti procurarti un prodotto che ha un valore superiore ad un terzo del valore della tua attrezzatura ma che non scende sotto gli standard di professionalità, questo significa che se hai un attrezatura del valore di 2000 euro non puoi prendere un attrezzatura di 500 euro visto che con questo importo non prenderai un prodotto professionale, il valore è indicativo, perchè potresti anche trovare un affare a quella cifra ma è quasi impossibile.

Passando alla pratica prendiamo in considerazione gli standard:

Gli standard elevati attuali comprendono una consolle dal valore di 5000 euro per lettori multimediali (cdj) e 1500 euro per mixer dj

Standard medi comprendono consolle di circa 3000 per i lettori e 1000/800 euro per un mixer

Bada bene che non bisogna mai parsimoniare sul mixer a livello di qualità, ma sulle funzioni è consentito.

MULETTO

Con queste opzioni di consolle potresti avere le seguenti posibilità di ovviare ad un muletto:

Opzione Professionale

Lettore CDJ anche singolo da un valore minimo di 1000 Euro (non scendere di molto in caso di usato)

Non è necssario acquistare due lettori cdj non è detto che si rompono entrambi, ma avere due lettori è già una buoan sicurezza. Bada bene che il lettore sostitutivo si interfaccia bene con quello di punta.

Mixer: come dicevo non è necessario parsimoniare sulla qualità del mixer, ma possiamo prendere un mixer di ottima qualità ma basilare, puoi optare per un mixer da club che varia da un valore di 400 euro (vedi Reloop) fino anche 900 (Allen & Heath) prendendo in considerazione i modelli obsoleti o di seconda mano.

Benché il cdj e il mixer è uno strumento che subisce meno aggiornamenti rispetto ad un prodotto completamente digitale, è possibile andare sull’usato tenuto bene.

Opzioni Usato: Denon Sc5000 – Pioneer Cdj Nexus – Pioneer Djm 750Mk2 – Allen&Heath xone 43 – Reloop RMX60

Costo: 1400 / 2500

Opzione Intermedia

In questa opzione puoi optare per un controller che sia standalone con lo stesso firmware che hai nel tuo lettore (es , se hai Denon userai controller compatibile con Engine, o Pioneer con Rekordbox)

Puoi usare un controller dal costo di circa 1000 euro ma che dovrai affiancare ad un notebook dello stesso valore per un totale di 2000 euro

Opzioni Nuovo: Gemini GMX – Numark Mixstream Pro – Denon Dj Prime Go

Costo: 350 / 1200

Opzione Entry Level

puoi acquistare un controller standalone dal valore di 1200 euro, ti serve solo un semplice computer per analizzare i tuoi brani di cui non verrà conteggiato nelle spese

Opzioni Nuovo: Numark Mixstream Pro – Denon Dj prime Go – Gemini Sdj 4000 – Pioneer Xdj-RR

Costo: 670 / 1250

Consolle composta da controller Standalone

muletto dj denon prime

Il mercato dei controller è molto piu ampio ed economico, ma se si rompe un controller dovrai spedirlo tutto quanto per intero dovendolo rimpiazzare con un altro controller simile. In questo caso l’importo di un controller Stand Alone parte dalle 1100 euro (anche meno come vedrai), non hai bisogno di altro, ma solo di un notebook che ti analizza i brani da inserire nella tua pennetta.

Muletto

Opzione Professionale

In questo caso dovrai acquistare un controller della stessa natura, ma ovviamente “piu scadente”, attulamente il controller stand alone di qualità accettabile al prezzo piu basso è il Numark Mixstream Pro dal valore di circa 700 euro, ma bada bene che dovrai analizzare le tue tracce per usare il software Engine.

Opzioni Nuovo: Numark Mixstream Pro – Denon Dj prime Go – Gemini Sdj 4000 – Pioneer Xdj-RR

Costo: 670 / 1250

Opzione Intermedia (ma professionale2)

Puoi usare una consolle completa di ripiego, come già visto nel caso delle consolle tradizionali il cui valore potrebbe essere rapportato al tuo tipo di utilizzo, per usi professionali spenderai di piu, mentre spenderai di meno se fai eventi con standard piu accettabili. vedi opzione uno consolle completa tradizionale, ma in questo caso ti elenco i prodotti di nicchia, anche se sono totalmente incompatibili con un controller stand alone di di uso attuale.

Benché alcuni prodotti possono essere reperiti anche usati ho inserito anche le quotazioni dell’usato nel costo.

Opzioni: Pioneer XDJ-700 – Pioneer DJM 250MK2 – Numark Scratch

Costo nuovo/usato: 1500 / 2000

Opzione Entry Level

Puoi usare un controller con un notebook di un valore medio di circa 500 euro come spiegato sopra, ed affiancarlo ad un controller di qualità discreta, ma fai attenzione perché tutto dipende dal software di audio mixaggio LINK, in uso: con Rekordbox piano base, Serato Dj Intro, Virtual dj e Traktor puoi optare per consolle molto semplici dal valore iniziale di circa 400 euro, con Engine, Serato Dj Pro dovrai optare per consolle da un valore che parte da 700 euro, che a mio parere questa è una cifra per una muletto di qualità accettabile se devi ricoprire degli eventi qualitativamente professionali.

Sono stati presi controller che sono bene o male compatibili con tutti i software di audio mixaggio LINK puoi aumentare la tua portata andando su un prodotto di fascia usata.

Opzioni Nuovo: Pioneer ddj400/flx4 – Native Instruments Traktor Kontrol S3 – Pioneer DDJ FLX6 GT – Roland Dj 505

Costo: 320 – 700 + notebook 500

Controller tradizionale

Muletto dj numark mixtrack pro fx

Se hai un controller tradizionale, opzione fino a poco fa molto diffusa, avrai meno difficoltà nel scegliere un muletto, ma sarai vincolato da tanti fattori. Visto che questo è un settore molto ambito dai costruttori, vengono perennemente aggiornati con funzioni nuove, tuttavia, un controller di fascia alta mantiene sempre un certo standard, al contrario di un controller Entry Level costruito apposta per attirare i nuovi dj apprendisti. Come già accennato dovrai tenere in considerazione questi punti: Software usato – devi mantenere la compatibilità del software, quindi se usi ad esempio Serato Dj Pro, non puoi prendere un controller creato per Djuced, e questo stabilisce bene la qualità è il prezzo, o meglio , alcuni controller che supportano alcuni software hanno una fascia di prezzo piu elevati, non puoi prendere un muletto che non scende sotto il minimo. Sistema Operativo – Purtroppo anche il sistema operativo del notebook è una spina nel fianco, aggiornando il sistema operativo, molti driver di prodotti obsoleti possono essere rimossi, come molti notebook, non avranno la possibilità di aggiornare un sistema operativo, quindi la tua scelta potrebbe essere vincolata ad un prodotto nuovo ma economico a cospetto di un prodotto usato ma obsoleto. Questo significa che se hai la possibilità di crearti un sistema a parte con notebook da usare esclusivamente con il tuo muletto, avrai una grande sicurezza, ma se hai un solo notebook che aggiornerai perennemente , rischieresti di rendere il tuo muletto incompatibile con i drivers del tuo notebook Compatibilità – discorso inverso, va calcolata la compatibilità del tuo muletto in termini di drivers in base al sistema operativo del tuo notebook , a meno che tu non abbia un notebook dedicato che non aggiornerai mai , come nel caso appena elencato nell’ opzione Entry Level del controller Standalone L’importo di un controller del genere di qualità professionale può variare dalle 500 alle 2400 euro (per il Pioneer DDJ REV7)

Muletto

In questo caso, sei piu versatile visto che abbiamo un ambiente modulare, fatto da un notebook ed un controller, ma dobbiamo anche calcolare la rottura di entrambi, sia notebook che controller, quindi tante cose vanno prese in considerazione nei termini spiegati sopra. La qualità del muletto dipende maggiormente da cosa tu possa avere nelle mani, se hai un controller Entry Level, ti dovrai attenere a quella linea, se hai dei prodotti professionali, allora andrai comunque ad optare per un qualcosa che possa avere un valore accettabile rispetto alla tua attrezzatura.

Opzione Professionale

Potresti usare un controller stand alone con lo stesso software di audio mixaggio che usi abitualmente, potresti acquistarlo in condizioni usate o di qualità media, o una consolle completa di nicchia che sia compatibile con il software usato dal tuo controller. In questo caso non hai la grana che se il notebook ti lascia a piedi sei rovinato, ma ovviamente dovrai avere le memorie USB o altro a disposizione. Opzioni: Gemini GMX – Numark Mixstream Pro – Denon Dj Prime Go – Pioneer XDJ-RR Costo: 670 / 1250

Opzione Intermedia

Puoi acquistare un muletto di pari valore usato, in questo caso avrai comunque bisogno di un altro notebook che possa essere compatibile con il tuo sistema, impostato bene con l’uso del tuo controller, ricordati che ad ogni aggiornamento firmware del tuo controller di punta dovrai testarlo con il tuo notebook di riserva. Se sei un dj che non te ne frega nulla e vuoi mixare anche con due grammofoni e una telescrivente, puoi usare un sistema composto da un mixer Traktor Z1 e una o due unità modulari simili al Traktor contro X1 dal totale di (199 per lo z1 e 239 per la x1 = 440 euro) ovviamente ci sono anche soluzioni simili.

Opzioni: Native Instruments Trakotr Z1 + X1 – Pioneer DDJ FLX6 GT – Roland Dj 505 – Native Instruments Kontrol s4 Mk3
 
Costo: 440 – 650 + notebook

Opzione Entry level

Puoi avere la classica riserva composta da un controller entry level e notebook di qualità bassa che si interfacciano bene ma solo tra di loro, questo significa che se hai grane con il notebook principale, dovrai escludere il tuo controller principale e usare quello Entry Level, in questo caso è anche utile utilizzare un software di audio mixaggio versatile che si adatta alla maggior parte dei controller, oppure come già detto usare un sistema a se stante ma esportare le tue play List con un tool che ti permette l’esportazione come DJCU. Opzioni: Native Instruments Traktor Kontrol S2 MK3 – Hercules DJ Control Inpulse 500- Pioneer DDJ-400 Opzioni per Serato Dj Pro: Pioneer DDJ FLX6 GT – Roland Dj 505 Costo: 450 – 650 + notebook + DJCU (per esportare le playlists in caso di software diversi)

Giradischi

setup muletto dj giradischi

Nel caso dei giradischi la scelta potrebbe essere vincolata molto all’uso di cui tu ne possa fare: se sei orientato all’uso dei vinili mix originali, questo significa che devi per forza avere lo stesso setup, magari un giradischi e un mixer di valore minore come muletto, o se te lo puoi permettere lo stesso setup; se usi invece il sistema in timecode potrai anche optare per lo stesso sistema della consolle tradizionale come elencato sopra .

Opzione Professionale

Userai lo stesso setup ma con due giradischi e un mixer di valore di nicchia, si trova anche buona roba usata tenuta bene in questo settore. Potresti anche acquistare un giradischi solo, ma se lo prendi di qualità inferiore potresti avere problemi nel momento che suoni con due giradischi diversi, dipende dalla tua manualità. Il problema invece sta nel mixer, visto che in alcuni casi il mixer è fondamentale se si suona in timecode in quanto ha una scheda audio integrata e funzioni che il dj personalizza a suo modo, inoltre un Battle mixer ha già un costo elevato di suo e non ha una grande versatilità, sono pochi i software che li certificano. Il problema non esiste per chi mixa in modo tradizionale visto che va bene un mixer da club di buona qualità come visto per le consolle tradizionali. Opzione Giradischi: Pioneer Plx 500 – Reloop RP 4000 Mk2 – Reloop RP 7000 MK2 – Reloop RP8000 Mk2 – Pioneer PLX 1000 – Technics (tutti i modelli) Inoltre puoi scegliere alcuni modelli seguendo le loro caratteristiche seguendo l’articolo dei giradischi a confronto Entry Level , Professionali. Opzione Club Mixer: Pioneer Djm 750Mk2 – Allen&Heath xone 43 Opzione Battle Mixer: Traktor Kontrol z2 – Pioneer DJM 250MK2 – Numark Scratch – Pioneer Djs s5 Costo Nuovo Usato: 350 – 1600 Giradischi (singolo/coppia) – 800/1300 (Club Mixer)-  350 / 900 Battle mixer (quindi 700/ 2900)

Opzione Intermedia

Se sei un dj versatile allora puoi avere un sistema composto da un controller professionale e un altro notebook (se usi il timecode), il Rane One o il Pioneer ddi-Rev7 potrebbero fare per te. Potresti altresì optare per una consolle completa o stand alone ed escludere l’acquisto di un notebook muletto, ma se sei un dj tradizionale, dovrai adeguarti alla tecnologia portando il tutto in digitale. Opzioni: Traktor Kontrol S4 MK3 – Rane One – Pioneer Ddj REV7 Costo: 900 / 2150 + notebook

Opzione Entry Level

Stessa opzione vista per il controller tradizionale che sconsiglio in questo caso visto che un controller entry level non ha le stesse funzioni di una consolle composta da questo setup. Opzioni: Native Instruments Traktor Kontrol S2 MK3 – Hercules DJ Control Inpulse 500- Pioneer DDJ-400 Opzioni per Serato Dj Pro: Pioneer DDJ FLX6 GT – Roland Dj 505 Costo: 450 – 650 + notebook + DJCU (per esportare le playlists in caso di software diversi) Qui ti lascio una tabella riassuntiva con i costi, i prezzi sono stati presi in base alla media (escluse promozioni) basandosi al periodo in cui è stato scritto l’articolo.

Setup + Costo Professionale Intermedia Entry Level
Consolle completa

3800 / 6500

1400/2500 350/1200 670/1250
Controller Standalone

1100 / 2500

670/1250 1500/2000 320/700 +Notebook
Controller Tradizionale

500 / 2400

670/1250 440/650 +Notebook 450/650 +Notebook + DJCU
Giradischi

1900 / 3000

700/2900 900/2150 +Notebook 450/650 + Notebook

Contenuto Esclusivo!

Vuoi imparare qualcosa di piu’ o semplicemente sostenermi?

Puoi imparare a mixare due tracce in modo naturale seguendo la metrica, imparare a mixare con i giradischi e i vinili e le tecniche di mixaggio, consulta il programma.

Sblocca tutti i contenuti video per vedere gli esempi chiari negli articoli dedicati e imparare meglio il concetto in modo più sbrigativo.

9 Febbraio 2023

0 Comments

Mixare in metrica livello avanzato 2
tracce per esercizi di beatmatchingEsercizi per Dj
Se ti piace condividimi con i tuoi amici

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

sottoscrivi

Sottoscrivi

Registrati alle newsletters occasionali

dj che aiutano dj - digital jockey

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Rimani aggiornato sui nuovi articoli

Ti arriverà una notifica quando ci saranno novità!

Login con il tuo Account Social

Tag