Lo Slicing


Lo Slicing per tagliare le tue tracce

Lo Slicing è la tecnica che evolve lo swap, da non confondere con lo slicer che pure essendo simile il concetto è una cosa diversa.
Abbiamo visto con lo swap che è possibile passare da una parte all’altra della traccia tramite due deck e i punti cue, questa volta con lo slicing non è necessario avere due deck, inoltre è una tecnica la quale è impossibile eseguire in modo tradizionale, ma si ha bisogno necessariamente di un automatismo che consiste in più punti Hot Cue che siano inglobati in un cdj o che siano parte di un corredo di funzioni integrate in un software, che di base ce l’hanno tutti.
Con la tecnica dello slicing questa volta è possibile eseguirla su una sola unità, e consiste nel saltare da un punto all’altro della traccia in qualsiasi momento, rispettando i periodi e la metrica a priori.
In pratica la traccia viene tagliata in diverse parti tramite i punti cue, più punti hai a disposizione più puoi inserire tagli, una volta inseriti i punti cue nel momento in cui andrai a suonare la traccia, puoi passare alla parte della traccia desiderata premendo il punto cue corrispondente al periodo che hai impostato a priori.

Facciamo un esempio di uno slicing semplice con un paio di cdj che hanno gli hot cue:

  • Usando i cdj potresti avere la possibilità di memorizzare i tuoi punti cue tramite una memory card o un supporto ottico a priori in fase di studio, quindi trova il punto in cui vuoi che la traccia salta e memorizzalo nel punto Hot Cue. I lettori della Pioneer ad esempio permettono di memorizzare i punti cue tramite Rekordbox e memorizzarne le informazioni in un supporto usb o memory card da inserire nel lettore;
  • Usando i cdj che non danno la possibilità di effettuare la memorizzazione dei punti cue in studio, hai delle possibilità limitate, quindi devi accontentarti di memorizzare un punto cue in fase live di esecuzione del brano e quindi il punto sarà in una fase antecedente all’andamento del brano, praticamente mentre suona ti devi segnare il punto cue e puoi passare solo indietro alla traccia. Tieni presente che questo caso non lo tengo in considerazione per quanto riguarda l’esempio sottostante;
  • Ok, quindi adesso abbiamo il brano che sta girando sul tuo lettore, se ti ricordi bene nella tecnica del cueing abbiamo imparato come far partire a tempo una traccia quindi non devi fare altro, che aspettare la fine del periodo in base alla metrica, e premere il punto hot cue su cui vuoi che la traccia salta.

Semplice, puoi fare anche uno swap ad un solo deck in questo caso possiamo definirlo uno slicing-swap.

Parliamo di software

Ovviamente i software sono molto equipaggiati per eseguire questa tecnica, molti ti indicano anche dove puoi inserire il punto Hot Cue per tagliare il brano, altri addirittura eseguono il brano basandosi sui punti da te stabiliti e in base alla numerazione saltano in automatico da un punto all’altro senza perdere la battuta.

  • Imposta allora la traccia in fase di studio apponendo i vari punti Hot Cue nelle varie parti della traccia.
  • In fase live premi I punti Hot Cue per spostarti da una parte all’altra della traccia senza comunque sfasare le leggi della metrica e della battuta generale del brano premendo il tasto a tempo.

Non sottovalutare la potenza dello slicing, se i software stanno potenziando questa tecnica significa che sono sulla strada giusta. Detto così con i miei esempi “terra terra” avresti potuto pensare che una tecnica da sfigati per perdere del tempo, difficilmente si potrebbe prendere in considerazione e lavorarci su, ma prova ad usare un po’ la tua creatività, scegli dei punti che non siano i classici inizio perido, ma una voce o un bridge, o un suono particolare, inizia a passare velocemente da un punto all’altro come se stessi suonando una batteria (che poi ti avvicini allo slicer vero e proprio), insomma lavoraci un po’ su, magari guardando qualche video, capirai quante cose si possono fare con una tecnica semplice ma efficace.

Advertisements
Condividi con i tuoi amici ;)
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mi piace la musica, mi piace creare note, suoni ed armonie, amo combinare il tutto per sentirne il risultato e gioire così del mio operato. Non è detto che per essere bravi bisogna per forza essere dei geni, si può creare anche senza spartiti, quello che ci deve guidare è la nostra passione, che alimenta la creatività. Ogni strumento che sia una corda, un tasto, un disco, un pulsante può essere usato per creare un’opera, che sia una composizione, o un semplice passaggio fatto bene. Spero mi seguirai attraverso le righe di una cultura che non tutti sanno interpretare nel giusto verso, ma alla fine uscirà fuori solo chi sa muoversi seriamente. Ti do il benvenuto e spero che un giorno potrai dire a tutto il mondo che ti sarò stato utile in qualche modo. Il mio blog è rivolto a tutti, maschi e femmine, parlo al maschile e voglio quindi evitare futili ripetizioni del tipo “o/a” , “i/e” .

LEAVE A COMMENT

Seguimi

Seguimi sui social, se sei social non fare il dissocial!

About me

Dario Power

Dario Power

Vola come un ape, pungi come una farfalla!

Ultimi commenti

Login / Iscriviti


Accedi con i tuoi social:
Non sei ancora iscritto?

Registrati

Rimarrai sempre aggiornato ogni volta che esce un articolo e avrai accesso a contenuti aggiuntivi sul mondo del djing.

Il Sondaggio Malvaggio Che ti mette a Disaggio!

Qual'è la tua professione

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.